Vuoi contattare il Dott. Attilio Nicastro?
Chiama il centralino unificato.

Proctologo a Roma e Milano
Vuoi prenotare una visita proctologica col Dott. Nicastro?
Fallo comodamente con MioDottore.it

Attilio Nicastro - MioDottore.it
Pericolo tossico! Leggi con estrema attenzione!
ATTENZIONE
La pagina che stai per leggere può contenere immagini mediche e diagnostiche di patologie e terapie, che potrebbero essere non adatte ad un pubblico particolarmente sensibile.

Il cancro del retto

Proctologo cura della stipsi e delle emorroidi

Sai cos'è e come si sviluppa il cancro del retto?
Superati i 50 anni d'età, è il secondo tumore più diffuso tra la popolazione, subito dopo quello della mammella nella donna e della prostata nell'uomo.
Un killer silenzioso ed inesorabile: in gran parte dei casi cresce e si sviluppa in completa assenza di sintomi, e globalmente è quarto tumore più letale.
Con le moderne tecniche diagnostiche, mediche e chirurgiche, oggigiorno il cancro del retto è una patologia che può essere trattata e sconfitta, con prognosi di buona guarigione quando preso per tempo.
Ecco perché la conoscenza di questa neoplasia e la sua diagnosi precoce è fondamentale, specie superata l'età giovane della vita.
Leggi questa pagina per scoprire tutto sul carcinoma del retto: da cosa origina, le sue cause, come si può trattare e risolvere.

Cos'è

Il carcinoma del retto (o cancro del retto), è un tumore maligno che rappresenta il 30-35% di tutti i tumori dell'intestino crasso che a loro volta rappresentano il 10% di tutti i cancri.
In Italia ogni anno sono oltre 12 000 le persone alle quali è fatta diagnosi di carcinoma del retto e si stima che ogni 100 000 abitanti 40 ne sono affetti, e sempre annualmente 7000 sono i decessi legati alla malattia.
Dopo i 50 anni d'età, il tumore del colon-retto è, statisticamente, la seconda neoplasia per diffusione, dopo il cancro della mammella nella donna e quello alla prostata nell'uomo.
Sebbene il tumore del colon-retto possa colpire tutti e due i sessi, si nota una maggiore incidenza nel sesso maschile, con un rapporto rispetto alla donna di 2:1.
Come tutte le neoplasie, si presenta come una massa di cellule degenerate, a crescita scoordinata e che deforma e danneggia i tessuti circostanti, in questo caso il retto ed il canale anale

Le cause

Il carcinoma del retto origina dalle cellule della mucosa ma frequentemente rappresenta la trasformazione maligna della sua lesione precancerosa più comune che è il polipo.
In alcuni casi il carcinoma del retto origina primariamente dalla mucosa, senza evidenza di polipi pre-esistenti.
L’insorgenza del carcinoma del retto riconosce dei fattori di rischio, distinti in primari e secondari.
I principali fattori di rischio primari sono rapresentati da:

  • Dieta povera di fibre e ricca di grassi soprattutto animali;
  • Abuso di alcol e tabagismo;
  • Menopausa nella donna;
  • Obesità e scarsa attività fisica;
  • Età superiore ai 50 anni

Tra gli altri fattori di rischio che debbono essere considerati per il carcinoma del retto, come peraltro altre neoplasie spiccano su tutti la storia familiare e la storia personale del paziente.
Il rischio di cancro del retto aumenta considerevolmente se in famiglia (specie tra genitori e fratelli) si sono già sviluppati episodi similari, così come aumenta se il paziente è affetto da altre patologie intestinali come la rettocolite ulcerosa, la malattia di Crohn oppure un'infezione da virus HPV (condilomi).

La sintomatologia

Il primo sintomo, quello più comune (a volte anche l’unico) del carcinoma del retto è la perdita di sangue rosso vivo dall'ano.
Spesso questo evento è imputato a patologie benigne (ad esempio, le emorroidi) che peraltro possono coesistere e quindi il paziente tende a rimandare ogni controllo specialistico e a ricorrere a pericolose ed inadeguate automedicazioni.
La perdita di sangue rosso vivo può essere modesta ed essere presente solo alla defecazione (ematochezia), oppure copiosa, come una vera emorragia (rettorragia), non necessariamente associato alla defecazione.
Gli altri sintomi che possono accompagnare la perdita di sangue sono:

  • Alterazioni dell’alvo, con stipsi alternata a diarrea con piccole scariche frequenti, riduzione del calibro delle feci che assumono aspetto nastriforme;
  • Tenesmo, ovvero sensazione di dover defecare senza che questo poi avvenga;
  • Urgenza alla defecazione (talvolta dolorosa) e senso di incompleto svuotamento al termine dell’evacuazione;
  • Dolore perineale e pelvico, che di solito un sintomo tardivo e più frequente nei tumori del retto basso

Il sintomo tuttavia più pericoloso, che porta spesso a conseguenze infauste per il paziente, è... La mancanza di sintomi.
Come in molte altre patologie tumorali, anche nel cancro del retto la malattia nella maggior parte dei casi inizia e si sviluppa asintomaticamente, raggiungendo stadiazioni importanti e metastasi diffuse senza che il paziente si accorga di nulla.
Ecco perché la prevenzione, con opportuni ed imprescindibili controlli periodici, è sempre necessaria nei soggetti a rischio e in quelli che, superati i 50 anni d'età e a discrezione del medico, devono essere controllati.

La diagnosi

Una accurata raccolta della storia clinica del paziente (familiarità, tipo di sanguinamento ecc.), associata all’esame obiettivo generale e soprattutto proctologico, completato con l’esplorazione digitale del retto che permette di evidenziare eventuali lesioni della parte più esterna del retto, possono far orientare la diagnosi di carcinoma del retto.
La Videoproctoscopia Digitale, esame moderno, di facile esecuzione e senza dolore o preparazione preliminare, permette lo studio accurato degli ultimi 15-20 cm del retto; attuata di base, durante la prima visita specialistica (senza una preventiva pulizia del retto), la tecnica diagnostica mette in evidenza anche polipi millimetrici e durante l’esame è possibile anche effettuare le biopsie necessarie per la determinazione della natura della malattia.
Il clisma opaco, la colonscopia virtuale e la colonscopia a fibre ottiche sono comunque esami che devono essere indicati a completamento dello studio dell’intestino.
Questi tre esami, a secondo del giudizio del medico, devono essere sempre eseguite nei pazienti che riferiscono perdite di sangue con la defecazione o non, nei quali la visita proctologica e la rettoscopia siano risultate negative.

Nell’eventualità che il paziente presenti un carcinoma del retto sono necessarie ulteriori indagini al fine di determinare lo stadio clinico della malattia, ovvero la sua diffusione locale e a distanza (linfonodi, fegato, polmoni, ecc.).
Se la diagnosi è stata posta durante una Videoproctoscopia Digitale, la colonscopia totale è l’esame che deve essere sempre eseguito, per scongiurare la presenza di altre patologie, benigne e/o maligne, e completare quindi lo studio del grosso intestino; se questo non è possibile bisogna ricorrere al clisma opacodoppio contrasto (CODC).
A tal fine potrebbe essere utile l’esecuzione della Colonscopia Virtuale, esame ottenibile nel contesto dell’esecuizione della TAC total body multistrato (Tomografia Assiale Computerizzata del torace, dell’addome e della pelvi), utile per svelare la presenza della diffusione a distanza (metastasi) della malattia.

La determinazione della diffusione locale della malattia è data dalla Ecotomografia endorettale; questo esame, quando possibile eseguirlo, può dare informazioni anche sulla diffusione della malattia al grasso peri-rettale e ai linfonodi loco-regionali.
Il completamento della diagnosi prevede l’esecuzione di esami ematochimici con lo studio della funzionalità epatica ed il dosaggio ematico di alcuni marcatori tumorali quali il CEA (antigene carcinoembriogenetico) ed il CA 19.9 o GICA (antigene carcinoma gastrointestinale).
L’esatta valutazione della stadiazione del carcinoma del retto è importante al fine della determinazione del tipo di terapia da attuare, nonché della speranza di vita: la sopravvivenza per un tumore del retto diagnosticato in stato inziale è infatti mediamente superiore al 60%, mentre scende a solo 5% nei casi di stadiazioni avanzate con metastasi.

La terapia

La terapia del carcinoma del retto consiste in un intervento chirurgico di asportazione del retto ammalato.
Questo tipo di intervento, nella maggior parte dei casi, è eseguito attraverso una incisione della parete addominale (resezione anteriore del retto).
Se il tumore è localizzato nella parte inferiore del retto (più prossimale all’ano), dopo l’asportazione del retto, il tratto di colon a monte viene abbassato e abboccato direttamente all’ano (anastomosi colo-anale); se il tumore è localizzato nella parte media o alta del retto è possibile abboccare il colon al retto residuo all’asportazione del tratto colpito dal tumore (anastomosi colorettale).
Questo tipo di intervento non prevede la costituzione di una deviazione delle feci, cioè di una colostomia o di una ileostomia, evenienza a volte necessaria (secondo anche l’esperienza del chirurgo) quando l'anastomosi è molto vicina all'ano e per tale motivo potrebbe essere ad alto rischio di cedimento parziale o totale (deiscenza dell'anastomosi).
La stomia in questi casi è temporanea e viene chiusa, ristabilendo una normale canalizzazione, 2-3 mesi dopo l'intervento principale.

Nel 10-20% dei casi la neoplasia infiltra gli sfinteri anali.
Questa evenienza rende impossibile la conservazione dell’ano, che deve essere asportato per garantire una radicale escissione del tumore.
In questi casi l’intervento è condotto per via addominale e per via perineale e l’asportazione del retto e dell’ano culmina con la confezione di una colostomia definitiva.
I grossi polipi del retto con larga base d’impianto e i carcinomi in stadio molto iniziale possono essere asportati isolatamente attraverso l'ano (resezione transanale), conservando quindi il retto sano.
Sebbene la terapia chirurgica sia fondamentale nei tumori del retto, sono utilizzati sempre più spesso trattamenti combinati in cui si associano terapie complementari (radioterapia e/o chemioterapia) alla chirurgia.
La scelta è eseguita in base allo stadio della malattia e alle condizioni generali del paziente.

Lo specialista

Il medico specialista che può diagnosticare e curare il carcinoma del retto e del colon è il chirurgo colon-proctologo: un professionista specializzato nell'ultimo tratto dell'apparato gastrodigerente, ossia il colon, il retto e l'ano.
Il medico colon-proctologo dispone nel suo studio di tutti i macchinari adatti per eseguire ogni genere di esame utile ad appurare la presenza di svariate patologie ano-rettali, come ad esempio il Videoproctoscopio Digitale e l'ecografo endoanale con sonda rotante a 360°.
Il chirurgo colon-proctologo, grazie alla grande esperienza specifica sull'intestino crasso e l'ano, può operare con efficacia e competenza, prescrivendo terapie farmacologiche ed operando in prima persona per mezzo della chirurgia quando questa è invece richiesta come soluzione suggerita o obbligata.

Informazioni che non sapevi!

L'articolo che stai leggendo tratta di materie mediche e sanitarie.
Le informazioni in esso contenute sono state scritte da medici professionisti, ma non possono e non devono in alcun modo sostituire una visita medica specialistica.
Se ritieni di sperimentare la sintomatologia della patologia descritta in quest'articolo, non iniziare autonomamente terapie, ma parlane subito con il tuo medico di fiducia.
Non impressionarti, non spaventarti ma altresì non sottovalutare nessun sintomo: rivolgiti sempre ad un medico.

Proctologo a Roma | Lecce | Latina | Milano
Il Dott. Attilio Nicastro è un chirurgo Colon Proctologo da anni specializzato nella diagnosi, nel trattamento e nella cura delle patologie che affliggono il colon, il retto e l'ano.
In oltre trent'anni di professione, ha ideato e sviluppato nuovi protocolli per la terapia riabilitativa della stipsi cronica, nonché di tutte le patologie che interessano la delicata zona del pavimento pelvico.
Il suo interesse chirurgico primario è, da sempre, orientato verso la bassa invasività e il rispetto dei tessuti del retto e del canale anale, affinché il paziente sperimenti un decorso post-operatorio privo di dolore.
Il suo costante miglioramento della tecnica di emorroidectomia escissionale (l'antica Milligan-Morgan), gli ha permesso di perfezionarla a tal punto da permettere un decorso a basso o nullo dolore, garantendo quindi un'emorroidectomia risolutiva, serena e non traumatica per il paziente.
Nel 2008, con la sua equipe, il Dott. Nicastro ha sviluppato il primo Videoproctoscopio Digitale: un macchinario diagnostico non invasivo per l'esplorazione a video del retto e dell'ano, che ha cambiato il classico approccio della proctoscopia basato sull'uso del rettoscopio.
Il Dott. Attilio Nicastro è primario del Dipartimento di Colonproctologia dell'European Hospital di Roma ed opera, in convenzione col Servizio Sanitario Nazionale, come chirurgo esterno presso il Marrelli Hospital di Crotone.
Riceve nei suoi studi di Roma, Milano, Lecce, Latina e Amantea (CS).
Per maggiori informazioni su tutte le attività di studio e ricerca del dottor Attilio Nicastro, puoi visionare il suo sito web attilionicastro.it oppure collegarti alla sua pagina personale Facebook seguendo questo indirizzo.
Hai bisogno di una visita col Dott. Attilio Nicastro?
Chiama il centralino nazionale allo

Proctologo a Roma Milano Lecce Latina Calabria
Vuoi prenotare online?
È facile e veloce grazie a MioDottore.it

Attilio Nicastro - MioDottore.it
I pazienti del Dott. Attilio Nicastro dicono:
‟Sono molto soddisfatta della visita.
Il medico mi ha messo subito a mio agio,gentile,scrupoloso e mi ha spiegato tutto con parole semplici e chiare. Segretaria gentilissima!"
Daniela
‟ Puntuale, attento, scrupoloso, accogliente ma sopratutto competente. Un profilo dal grande spessore sotto il punto di vista umano."
Sabrina
‟Un medico molto serio e disponibile, non abbandona mai il paziente, ama il suo lavoro e si vede. Molto educata anche la segreteria."
Claudio
Parla al Dott. Attilio Nicastro.
È qui per aiutarti.
Chiedi un aiuto al Dott. Attilio Nicastro.
Compila il modulo, e si metterà subito in contatto con te.
Tutti i campi con * sono obbligatori.

Ho letto ed accetto la privacy policy*

Se il form ti da problemi d'invio, manda un'email a
info [at] attilionicastro.it