Vuoi contattare il Dott. Attilio Nicastro?
Chiama il centralino unificato.

Proctologo a Roma e Milano
Vuoi prenotare una visita proctologica col Dott. Nicastro?
Fallo comodamente con MioDottore.it

Attilio Nicastro - MioDottore.it
Pericolo tossico! Leggi con estrema attenzione!
ATTENZIONE
La pagina che stai per leggere può contenere immagini mediche e diagnostiche di patologie e terapie, che potrebbero essere non adatte ad un pubblico particolarmente sensibile.

Le emorroidi patologiche

Proctologo cura della stipsi e delle emorroidi

Soffri di bruciore o sanguinamento dopo ogni evacuazione?
Hai prurito, dolore o fastidio generalizzato all’ano?
Potresti essere affetto da patologia emorroidaria.
In questa pagina troverai le risposte alle domande più frequenti sulle emorroidi, affinché tu possa farti un’idea generale della sintomatologia e prendere le giuste misure per contrastare le emorroidi.

Cosa sono

Le emorroidi sono strutture anatomiche (plessi arterovenosi) normalmente presenti nel canale anale fin dalla nascita.
In situazioni di normalità la loro presenza non è avvertita dal paziente e, in assenza di anomalie o patologie, rimangono pertanto ‘invisibili’ alla persona per tutta la sua esistenza.
Tuttavia, essendo posizionate in una parte molto delicata del corpo umano, iper-vascolarizzata e perennemente sotto pressione intra-addominale, i pressi emorroidali possono essere soggette a numerose alterazioni patologiche, a volte estremamente invalidanti per il paziente che ne è affetto.

Le emorroidi, dalla classica struttura ‘a cuscinetto’, sono un’importante struttura che serve ad irrorare efficacemente di sangue tutta la parte anale.
Perciò, anche se di piccola superficie anatomica, le emorroidi sono una zona altamente vascolarizzata del corpo umano.
In minima parte, tutto il plesso emorroidale concorre anche al mantenimento della continenza fecale.

Va chiarito che la presenza dei plessi delle emorroidi è una condizione assolutamente normale in ogni essere umano.
Purtroppo, con una sbagliata educazione divulgativa, spesso il termine ‘emorroidi‘ viene usato per sineddoche come ‘patologia emorroidale’, generando quindi grande confusione presso il pubblico non medico.
Si parla di patologia delle emorroidi solo nel momento in cui esse danno origine ad una sintomatologia: ci si riferisce allora col termine di “malattia emorroidaria”.

Le cause

Esistono diverse teorie sulle cause che portano alla comparsa delle emorroidi (meccanismi eziopatogenetici):

  • Teoria meccanica
    Progressivo e graduale indebolimento e degenerazione del tessuto fibro-muscolo-elastico che circonda le emorroidi, dovuto sia all’età sia ad aumenti della pressione intraddominale per fenomeni cronici di stipsi cronica.
  • Teoria emodinamica
    Presenza di reflusso e/o di iperafflusso di sangue nei plessi emorroidali dovuti ad un aumento della pressione intraddominale ( stipsi, sforzi fisici, malattie sistemiche, gravidanza, parto naturale, alcuni tipi di sport) oppure situazione di ristagno per insufficiente ritorno venoso in caso di ostacolo durante la defecazione.

In base a queste teorie possiamo individuare una serie di cause e  fattori scatenanti le emorroidi, quali: la gravidanza, la ridotta attività fisical’eccesso di peso, un’alimentazione povera di scorie, l’abuso di lassativi e la pratica di alcuni sport (ciclismo, equitazionemotociclismo e body building).

Le emorroidi sono una patologia molto frequente nella popolazione adulta ed è stata classificata al secondo posto tra tutte le malattie e superata, come frequenza, solo dalla carie dentale.
Le emorroidi patologiche possono manifestarsi a qualsiasi età, con un picco di incidenza nell’età giovane adulta.
Ne possono soffrire con la stessa frequenza sia i maschi che le femmine, anche se queste ultime ne soffrono maggiormente dopo il parto.
Anche se una vita con frequente attività fisica ed adeguata dieta varia ed equilibrata possano far molto per contrastare l’insorgere della patologia, spesso essa si presenta per una grande verità di cause e concause, non necessariamente dipendenti dalle attitudini o i comportamenti del soggetto.

La sintomatologia

sintomi principali e più frequenti delle emorroidi sono:

  • Sanguinamento
    È la perdita di sangue “rosso vivo” con le feci, che può manifestarsi anche come gocciolamento al termine della evacuazione o come striatura sulla carta igienica;
  • Dolore
    Può essere acuto o cronico; è spesso dovuto alla presenza di una ragade o ad una trombosi delle emorroidi;
  • Tenesmo anale
    È la sensazione di pesantezza e gonfiore durante e dopo la evacuazione e può causare anche una tensione continua a livello anale;
  • Prolasso
    È la presenza delle emorroidi,  insieme alla mucosa del retto,  al di fuori del canale anale;
  • Produzione eccessiva di muco
    Un’eccessiva produzione di muco spesso sporca gli indumenti intimi;
  • Irritazioni cutanee
    Si manifestano con un arrossamento della pelle (cute) che circonda l’ano;
  • Prurito anale

Attenzione: gli stessi sintomi possono indicare altre malattie (neoplasie, disturbi metabolici, patologie infiammatorie intestinali, disturbi della coagulazione).
La diagnosi di emorroidi deve dunque essere sempre confermata dal medico.

Sulla base delle manifestazioni cliniche, le emorroidi possono essere suddivise in 4 gradi:

  • Emorroidi di I grado
    Dilatazioni interne delle emorroidi, visibili alla proctoscopia o alla videoproctoscopia digitale;
  • Emorroidi di II grado
    Emorroidi che fuoriescono dal canale anale durante l’evacuazione o sotto sforzo e che rientrano nel canale anale spontaneamente;
  • Emorroidi di III grado:
    Emorroidi prolassate, cioè fuoriuscite dal canale anale e che si riducono soltanto manualmente;
  • Emorroidi di IV grado
    Emorroidi prolassate e non riducibili

Frequentemente le emorroidi, indipendentemente dal grado, possono evolvere in alcune complicanze.
La trombosi emorroidaria è un evento acuto caratterizzato da intenso ed improvviso dolore anale dovuto alla presenza di sangue coagulato all’interno delle emorroidi, che assumono l’aspetto di rigonfiamenti (gavoccioli) tesi e bluastri.
Altra complicanza acuta sono gli ascessi anali o perianali, caratterizzati anch’essi da intenso dolore e accompagnati da febbre; la zona interessata appare tesa, arrossata, gonfia e indurita e deve essere subito incisa per favorirne la fuoriuscita del pus.
Nei casi di pazienti portatori di emorroidi sanguinanti da lungo tempo, sia come vere e proprie emorragie sia come gocciolamento, possiamo assistere alla comparsa di grave anemia.
Esistono poi pazienti, soprattutto anziani, portatori di emorroidi prolassate da lungo tempo, che riferiscono una incontinenza sia alle feci che ai gas.

La diagnosi

Spesso già il racconto del paziente, soprattutto se minuzioso, permette di orientare il medico specialista verso la diagnosi di emorroidi.
La certezza diagnostica si ottiene solo con la visita proctologica completa.
Per primo bisogna effettuare una attenta esplorazione anale, che dovrebbe essere sempre completata da un'anoscopia o una ano-rettoscopia.
Bisogna ricordare che in soggetti con familiarità positiva per neoplasie intestinali e in quelli con età superiore ai 50 anni, è obbligo eseguire anche una colonscopia.
Un attenzione a parte merita la Videoproctoscopia Digitale, un moderno e sofisticato esame diagnostico che permette di fare una attenta e rapida diagnosi di tutte le patologie anali e rettali, senza dolore per il paziente e senza necessità di preparazione.

La terapia

Il trattamento medico farmacologico può essere destinato a pazienti con emorroidi di I e II grado non complicato, e si basa sull’impiego di diverse sostanze.
Inizialmente, se necessario, si deve favorire una evacuazione quotidiana e morbida per evitare lo sforzo alla defecazione, e a questo scopo sono utili tutte quelle sostanze che aumentano la massa fecale e che non siano sostanze irritanti.
Per favorire la circolazione (a livello emorroidario) si possono prescrivere preparati a base di flavonoidi e simili.
Infine si possono usare, per lenire i sintomi delle emorroidi, creme, gel o paste contenenti anti-infiammatori e anestetici anche se esistono creme naturali che sfruttano le proprietà di alcune erbe officinali che permettono, oltre al controllo dei sintomi, anche una cura locale della patologia.

Le tecniche chirurgiche mini-invasive

Nei casi resistenti al trattamento medico è possibile attuare trattamenti locali e terapie mini-invasive.
La legatura elastica è utilizzata per il trattamento delle emorroidi e del prolasso mucoso rettale interno.
Consiste nell’applicazione di piccoli anelli elastici alla base delle emorroidi o del prolasso, e l'applicazione che si effettua senza alcuna anestesia.
L’atto generalmente non provoca dolore anche se nelle ore successive può essere accusato dal paziente un leggero senso di peso.
Gli anellini elastici rimangono in sede per 7-15 giorni e la loro espulsione non viene rilevata dal paziente se non per una lieve perdita di sangue, che comunque non deve spaventare.
La scleroterapia e la coagulazione all’infrarosso sono utilizzate nel trattamento delle emorroidi in genere non prolassanti.
Tali procedure causano scarso dolore e il risultato è una discreta riduzione del volume del prolasso.
La dearterializzazione selettiva delle emorroidi mediante il laser, con l’utilizzo del doppler (HeLP) è una metodica ambulatoriale molto utilizzata negli stadi iniziali della patologia emorroidaria.
La tecnica HeLP si basa sulla cauterizzazione delle arteriole che alimentano emorroidali che, così private di buona parte del flusso ematico in entrata, possono sgonfiarsi e tornare a dimensione accettabile.
È una tecnica che dimostra ottimi risultati nei primi stadi del prolasso emorroidale, mentre ha generalmente scarsa utilità negli stadi più severi.
La crioterapia nel trattamento radicale delle emorroidi è dolorosa rispetto agli altri trattamenti ambulatoriali e, come la folgorazione diretta e il BICAP, non gode la preferenza dei maggiori centri internazionali di colonproctologia.

L'emorroidectomia

Quando il prolasso emorroidale è consistente, di III o IV grado, sia la terapia farmacologica che la chirurgia mini-invasiva non possono dare risultati soddisfacenti e tangibili.
In questi casi, severi, è necessario ricorrere alla chirurgia radicale per la risoluzione definitiva della patologia emorroidaria.
L’indicazione all’intervento di emorroidectomia è posta quindi nei casi gravi di emorroidi, nei casi di emorroidi recidive, nei casi di III e IV grado associati a prolasso mucoso del retto e nei casi associati a ragade anale.
L’intervento di emorroidectomia considerato ideale dovrebbe riunire le caratteristiche di radicalitàassenza di doloreassenza di complicanze e minima degenza postoperatoria.

La tecnica Milligan-Morgan è il Gold Standard per l'emorroidectomia radicale.
Ideata ad inizio del '900 dai medici inglesi Milligan e Morgan, prevede l'asportazione totale dei plessi emorroidali dopo l'opportuna legatura del gavocciolo.
Ciò permette di creare delle incisioni con la classica forma 'a trifoglio', divenute ormai indentificative della tecnica stessa.
La particolarità molto nota della Milligan-Morgan è che è una tecnica aperta, cioè le ferite non vengono suturate ma vengono semplicemente medicate e lasciate guarire per seconda intenzione.
Ciò risulta essenziale per prevenire pericolose stenosi del canale anale, ma le ferite aperte hanno causato, in passato, problemi di dolore post-operatorio, elevato, e lenta cicacrizzazione.

Nel corso degli anni la tecnica Milligan-Morgan si è evoluta, raffianata ed è divenuta sempre più sopportabile nel decorso post-intervento.
Oggigiorno, grazie ad accorgimenti particolari e all'evoluzione della chirurgia, è possibile quindi praticare l'emorroidectomia a tecnica aperta garantendo comunque al paziente poco o nullo dolore post-operatorio, rendendogli il decorso sereno anche durante la prima defecazione.

L'emorroidectomia si può avvalere dell’impiego del bisturi elettrico, del bisturi freddo, del bisturi a laser, del bisturi a radiofrequenza e deve prevedere la legatura alta del peduncolo vascolare (sopra la linea pettinata) e l’escissione delle emorroidi con la porzione mucosa e cutanea che le circonda.
E’ necessario conservare alcuni ponti cutaneo-mucosi per favorire una valida via di drenaggio delle secrezioni ed evitare la creazione di stenosi cicatriziali, mentre gli sfinteri devono essere sempre rispettati.
Se è presente una ragade anale con ipertono sfinterico, si deve associare una sfinterotomia interna.
Infine, è necessario asportare gli eventuali tessuti eccedenti (marische).
Al termine dell’intervento non si introduce alcun tampone anale, ma si esegue una normale medicazione.
Con questa tecnica e possibile ottenere alcuni importanti vantaggi clinici:

  • Assenza di dolore;
  • Assenza di recidive;
  • Assenza di complicanze infettive;
  • Assenza di stenosi;
  • Evacuazione  precoce;
  • Ospedalizzazione brevissima

Esistono poi tutta una serie di cosiddette “terapie chirurgiche alternative”, ma completamente inidonee, che hanno lo scopo di alleviare momentaneamente i sintomi al paziente, ma di non risolvere definitivamente il problema alla radice.
In questo gruppo rientra la crioterapia.
Discorso a parte merita la tecnica chirurgica tramite la “stappler”: si tratta di una metodica che ha goduto di larga diffusione negli ultimi anni, ma che può creare qualche confusione sul suo reale impiego.
Infatti questa tecnica ha come unico obiettivo la riduzione del prolasso e non l’escissione delle emorroidi.

La tecnica THD

Negli ultimi anni la terapia delle emorroidi ha trovato un valido ausilio nella dearterializzazione selettiva mediante il doppler del plesso emorroidale (THD o HAL Doppler).
Questa tecnica, veramente mini-invasiva, ha lo scopo di ridurre la pressione e l’iperaflusso ematico a livello del plesso emorroidale con riduzione graduale della sua dilatazione e abolizione del sanguinamento.
In caso di prolasso mucoso associato è possibile eseguire una proctopessi con la sospensione della mucosa eccedente (che non è asportata) all’interno del retto.
L’intervento non prevede dolore post-operatorio, con una immediata ripresa delle attività quotidiane.
La dearterializzazione selettiva delle emorroidi trova indicazione in tutti i gradi della patologia emorroidaria anche se la sua massima applicazione è nei gradi II e III.

Lo specialista

Il medico specialista che può diagnosticare e curare le emorroidi patologiche è il chirurgo colon-proctologo: un professionista specializzato nell'ultimo tratto dell'apparato gastrodigerente, ossia il colon, il retto e l'ano.
Il medico colon-proctologo dispone nel suo studio di tutti i macchinari adatti per eseguire ogni genere di esame utile ad appurare la presenza di svariate patologie ano-rettali, come ad esempio il Videoproctoscopio Digitale e l'ecografo endoanale con sonda rotante a 360°.
Il chirurgo colon-proctologo, grazie alla grande esperienza specifica sull'intestino crasso e l'ano, può operare con efficacia e competenza, prescrivendo terapie farmacologiche ed operando in prima persona per mezzo della chirurgia quando questa è invece richiesta come soluzione suggerita o obbligata.

Informazioni che non sapevi!

L'articolo che stai leggendo tratta di materie mediche e sanitarie.
Le informazioni in esso contenute sono state scritte da medici professionisti, ma non possono e non devono in alcun modo sostituire una visita medica specialistica.
Se ritieni di sperimentare la sintomatologia della patologia descritta in quest'articolo, non iniziare autonomamente terapie, ma parlane subito con il tuo medico di fiducia.
Non impressionarti, non spaventarti ma altresì non sottovalutare nessun sintomo: rivolgiti sempre ad un medico.

Proctologo a Roma | Lecce | Latina | Milano
Il Dott. Attilio Nicastro è un chirurgo Colon Proctologo da anni specializzato nella diagnosi, nel trattamento e nella cura delle patologie che affliggono il colon, il retto e l'ano.
In oltre trent'anni di professione, ha ideato e sviluppato nuovi protocolli per la terapia riabilitativa della stipsi cronica, nonché di tutte le patologie che interessano la delicata zona del pavimento pelvico.
Il suo interesse chirurgico primario è, da sempre, orientato verso la bassa invasività e il rispetto dei tessuti del retto e del canale anale, affinché il paziente sperimenti un decorso post-operatorio privo di dolore.
Il suo costante miglioramento della tecnica di emorroidectomia escissionale (l'antica Milligan-Morgan), gli ha permesso di perfezionarla a tal punto da permettere un decorso a basso o nullo dolore, garantendo quindi un'emorroidectomia risolutiva, serena e non traumatica per il paziente.
Nel 2008, con la sua equipe, il Dott. Nicastro ha sviluppato il primo Videoproctoscopio Digitale: un macchinario diagnostico non invasivo per l'esplorazione a video del retto e dell'ano, che ha cambiato il classico approccio della proctoscopia basato sull'uso del rettoscopio.
Il Dott. Attilio Nicastro è primario del Dipartimento di Colonproctologia dell'European Hospital di Roma ed opera, in convenzione col Servizio Sanitario Nazionale, come chirurgo esterno presso il Marrelli Hospital di Crotone.
Riceve nei suoi studi di Roma, Milano, Lecce, Latina e Amantea (CS).
Per maggiori informazioni su tutte le attività di studio e ricerca del dottor Attilio Nicastro, puoi visionare il suo sito web attilionicastro.it oppure collegarti alla sua pagina personale Facebook seguendo questo indirizzo.
Hai bisogno di una visita col Dott. Attilio Nicastro?
Chiama il centralino nazionale allo

Proctologo a Roma Milano Lecce Latina Calabria
Vuoi prenotare online?
È facile e veloce grazie a MioDottore.it

Attilio Nicastro - MioDottore.it
I pazienti del Dott. Attilio Nicastro dicono:
‟Rispetto del paziente e, più in generale, rispetto per l'altro e forte professionalità. 
Ottima capacità di ascolto e disponibilità."
Piergiorgio
‟Ho avuto l'impressione che sia un grande professionista, con grande conoscenza della materia.
Lo consiglierei a qualsiasi mio conoscente."
Gennaro
‟Medici di queso livello sono difficili da trovare, quindi lo consiglio a tutti coloro che hanno effettuato come me tante visite da altri specialisti ma senza risultati. Grazie"
Roberto
Parla al Dott. Attilio Nicastro.
È qui per aiutarti.
Chiedi un aiuto al Dott. Attilio Nicastro.
Compila il modulo, e si metterà subito in contatto con te.
Tutti i campi con * sono obbligatori.

Ho letto ed accetto la privacy policy*

Se il form ti da problemi d'invio, manda un'email a
info [at] attilionicastro.it