Vuoi contattare il Dott. Attilio Nicastro?
Chiama il centralino unificato.

Proctologo a Roma e Milano
Vuoi prenotare una visita proctologica col Dott. Nicastro?
Fallo comodamente con MioDottore.it

Attilio Nicastro - MioDottore.it
Pericolo tossico! Leggi con estrema attenzione!
ATTENZIONE
La pagina che stai per leggere può contenere immagini mediche e diagnostiche di patologie e terapie, che potrebbero essere non adatte ad un pubblico particolarmente sensibile.

La fistola anale

Proctologo cura della stipsi e delle emorroidi

L'ascesso anale rappresenta il più frequente caso di urgenza proctologica, ed è una patologia ad esclusivo interesse chirurgico.
La formazione di una fistola, ossia di un canale artificiale che il corpo crea nel tentativo di espellere il materiale purulento frutto di un'infezione sottostante, è un processo quasi sempre estremamente doloroso per il paziente, che non risponde ai tentativi di cura farmacologica con gli antibiotici.
Se vuoi sapere come si forma una fistola e come si può trattare, continua a leggere questa pagina.

Cos'è

La fistola anale e perianale rappresenta l’evoluzione di un ascesso, che è  la fase acuta di un’infezione che origina dalle ghiandole secernenti muco presenti nel canale anale.
Le fistole anali e perianali rappresentano la fase cronica di tale infezione: ascesso e fistola devono essere quindi considerati due stadi di una stessa malattia.
L’infezione originariamente localizzata nella ghiandola anale, progressivamente si diffonde ai tessuti circostanti formando un canale che mette in comunicazione la ghiandola anale (dalla quale l’ascesso origina) con la cute della regione perianale.
Questa condizione è caratterizzata dalle continue, maleodoranti, secrezioni siero-purulente che fuoriusciranno dal foro cutaneo e che imbrattano continuamente gli indumenti intimi.

Le cause

La fistola è un effetto di una patologia a monte, che è un ascesso anale o perianale.
L'ascesso origina direttamente da una ghiandola del muco della mucosa anale, infettata ed impossibilitata a sfogare all'esterno il materiale purulento dell'infezione.
I meccanismi che portano all'infezione della ghiandola non sono ancora noti, ma sono accertati ormai i fattori predisponenti, come la tubercolosi, la malattia di Crohn, la diverticolite, le neoplasie ed i traumi in generale.
Tra le cause sospettate di correlazione infine vi sono la stipsi cronica e la diarrea.

La sintomatologia

sintomi correlati dipendono quindi dalle varie fasi della malattia.
Nella fase ascessuale, ossia quando si nota la formazione di materiale purulento, i sintomi comuni sono:

  • Gonfiore, rossore e calore della cute della regione perianale;
  • Intenso dolore;
  • Febbre

Nella fase fistolosa si hanno continue o intermittenti secrezioni di siero-pus attraverso l’orifizio esterno situato vicino all’ano, che non ha tendenza a cicatrizzare.
Se l’orifizio esterno si dovesse chiudere causando una guarigione apparente, ricompariranno la febbre e il dolore che svelano il ripresentarsi dell’ascesso che potrà svilupparsi verso altre direzioni.
Tale processo può verificarsi anche dopo giorni, mesi o anni dalla chiusura dell’orificio fistoloso esterno.
Le fistole anali e perianali persistenti e croniche, non curate, possono degenerare, anche se molto raramente, in tumore maligno in quanto l’infiammazione cronica, presente nei tessuti per molto tempo, può predisporre alla trasformazione neoplastica.

La diagnosi

La diagnosi della presenza di un ascesso o di  fistole anali e perianali è facile: la semplice visita medica ne rivela la presenza.
La Videoproctoscopia Digitale (o una semplice anoscopia) è necessaria per individuare l’origine della fistola all’interno del canale anale.
Quando questo sia di difficile discriminazione, il proctologo può anche eseguire alcune manovre per individuare il decorso della fistola quali la specillazione del tramite fistoloso (introducendo un sottile specillo all’interno della fistola fino al suo sbocco nel canale anale), la colorazione con un colorante biologico quale il blu di metilene o l’introduzione di acqua ossigenata all’interno della fistola.
Per meglio attuare una corretta terapia chirurgica sono necessarie alcune indagini preoperatorie che permettono di avere un quadro preciso della complessità della fistola, e quindi delle possibili difficoltà tecniche legate all’intervento.
Queste sono rappresentate dall’ecografia endoanale con sonda rotante (in grado di visualizzare con grande precisione le diramazioni dell’infezione in rapporto agli sfinteri) e dalla manometria ano-rettale (utile per valutare il rischio di incontinenza sia negli interventi su fistole anali e perianali complesse che nei pazienti già operati all’ano o con precedenti traumi).
Per lo studio delle fistole anali e perianali recidive o complesse potrebbe essere utile l’esecuzione di una Risonanza Magnegtica Nucleare perineale.

La terapia

La terapia dell’ ascesso perianale è il più frequente intervento d’urgenza proctologica.
Il paziente con ascesso perianale che non si apre spontaneamente all’esterno, presenta una sintomatologia particolarmente acuta con dolorefebbre e prostrazione: la risoluzione dei sintomi è legata all’incisione della cute sovrastante l’ascesso, con apertura della la cavità e permettendo quindi la fuoriuscita del materiale purulento.
Gli ascessi di piccole dimensioni e non profondi possono essere operati in ambulatorio e in anestesia locale.
Se l'ascesso è grande e profondo, richiede il ricovero immediato e un intervento con un’anestesia maggiore.
Il ricovero ospedaliero si impone inoltre per i pazienti diabetici o con difese immunitarie ridotte.
Il ricorso agli antibiotici è sconsigliato anche in fase acuta, se non nei pazienti anziani, nei pazienti diabetici o negli immunodepressi: l'ascesso anale non è sensibile alla cura antibiotica, e non regredisce con la stessa.
La terapia antibiotica quindi non rappresenta l’alternativa all’intervento chirurgico, in quanto i farmaci risultano inefficaci nei confronti dell’ascesso.
Il trattamento delle fistole anali e perianali residue all’ascesso è pertanto solo chirurgico.
L’intervento, in genere in anestesia loco-regionale o generale, può essere condotto in uno o più tempi in base al coinvolgimento dei muscoli anali nel processo fistoloso.

Il chirurgo colonproctologo esperto deve poter valutare attentamente la conduzione dell’intervento e trovare un giusto equilibrio tra la completa asportazione della patologia e la preservazione dell’integrità degli sfinteri con l’intento di guarire la fistola conservando la continenza.
Per tali motivi la maggioranza dei pazienti operati per fistole anali e perianali  mantiene una perfetta continenza e solo nell’8-11% dei pazienti che presentano fistole complesse, l’intervento chirurgico comporta un’incontinenza fecale più o meno grave.
La chirurgia delle fistole anali e perianali è complessa e delicata anche in mani esperte e prevede l’applicazione di molte tecniche, anche in relazione al tipo di fistola da curare.
Modernamente sono possibili anche interventi mini invasivi utilizzando particolari tecniche e attrezzature (FILAC – VAAFT).
In tutti i casi il dolore postoperatorio è di grado lieve o moderato e viene controllato con i normali antidolorifici.
I tempi di degenza sono minimi (24 -48 ore) ed è opportuna una convalescenza a casa, per seguire alcune norme igienico-dietetiche.

Lo specialista

Il medico specialista che può diagnosticare e curare le emorroidi patologiche è il chirurgo colon-proctologo: un professionista specializzato nell'ultimo tratto dell'apparato gastrodigerente, ossia il colon, il retto e l'ano.
Il medico colon-proctologo dispone nel suo studio di tutti i macchinari adatti per eseguire ogni genere di esame utile ad appurare la presenza di svariate patologie ano-rettali, come ad esempio il Videoproctoscopio Digitale e l'ecografo endoanale con sonda rotante a 360°.
Il chirurgo colon-proctologo, grazie alla grande esperienza specifica sull'intestino crasso e l'ano, può operare con efficacia e competenza, prescrivendo terapie farmacologiche ed operando in prima persona per mezzo della chirurgia quando questa è invece richiesta come soluzione suggerita o obbligata.

Informazioni che non sapevi!

L'articolo che stai leggendo tratta di materie mediche e sanitarie.
Le informazioni in esso contenute sono state scritte da medici professionisti, ma non possono e non devono in alcun modo sostituire una visita medica specialistica.
Se ritieni di sperimentare la sintomatologia della patologia descritta in quest'articolo, non iniziare autonomamente terapie, ma parlane subito con il tuo medico di fiducia.
Non impressionarti, non spaventarti ma altresì non sottovalutare nessun sintomo: rivolgiti sempre ad un medico.

Proctologo a Roma | Lecce | Latina | Milano
Il Dott. Attilio Nicastro è un chirurgo Colon Proctologo da anni specializzato nella diagnosi, nel trattamento e nella cura delle patologie che affliggono il colon, il retto e l'ano.
In oltre trent'anni di professione, ha ideato e sviluppato nuovi protocolli per la terapia riabilitativa della stipsi cronica, nonché di tutte le patologie che interessano la delicata zona del pavimento pelvico.
Il suo interesse chirurgico primario è, da sempre, orientato verso la bassa invasività e il rispetto dei tessuti del retto e del canale anale, affinché il paziente sperimenti un decorso post-operatorio privo di dolore.
Il suo costante miglioramento della tecnica di emorroidectomia escissionale (l'antica Milligan-Morgan), gli ha permesso di perfezionarla a tal punto da permettere un decorso a basso o nullo dolore, garantendo quindi un'emorroidectomia risolutiva, serena e non traumatica per il paziente.
Nel 2008, con la sua equipe, il Dott. Nicastro ha sviluppato il primo Videoproctoscopio Digitale: un macchinario diagnostico non invasivo per l'esplorazione a video del retto e dell'ano, che ha cambiato il classico approccio della proctoscopia basato sull'uso del rettoscopio.
Il Dott. Attilio Nicastro è primario del Dipartimento di Colonproctologia dell'European Hospital di Roma ed opera, in convenzione col Servizio Sanitario Nazionale, come chirurgo esterno presso il Marrelli Hospital di Crotone.
Riceve nei suoi studi di Roma, Milano, Lecce, Latina e Amantea (CS).
Per maggiori informazioni su tutte le attività di studio e ricerca del dottor Attilio Nicastro, puoi visionare il suo sito web attilionicastro.it oppure collegarti alla sua pagina personale Facebook seguendo questo indirizzo.
Hai bisogno di una visita col Dott. Attilio Nicastro?
Chiama il centralino nazionale allo

Proctologo a Roma Milano Lecce Latina Calabria
Vuoi prenotare online?
È facile e veloce grazie a MioDottore.it

Attilio Nicastro - MioDottore.it
I pazienti del Dott. Attilio Nicastro dicono:
‟Mi sono trovata benissimo con il dott. Nicastro, per una visita specialistica, sia dal punto di vista medico che umano, e ho deciso di farmi seguire anche per proseguire le analisi e il percorso di approfondimento delle problematiche da indagare. "
Mina
‟Mi sono fidata subito del Dott. Nicastro, infatti mi ha operata dopo pochi giorni dalla visita risolvendo un problema che ormai era diventato insostenibile. Grande professionalità e umanità, qualità rare da trovare insieme. Grazie Dottore."
Maria Concetta
‟Più che in dottore e un appassionato del suo lavoro e pertanto a queste poche persone che ci sono bisogna levarsi tanto di cappello bravissimo e meritevole di tutto il bene del mondo"
Claudio
Parla al Dott. Attilio Nicastro.
È qui per aiutarti.
Chiedi un aiuto al Dott. Attilio Nicastro.
Compila il modulo, e si metterà subito in contatto con te.
Tutti i campi con * sono obbligatori.

Ho letto ed accetto la privacy policy*

Se il form ti da problemi d'invio, manda un'email a
info [at] attilionicastro.it