Vuoi contattare il Dott. Attilio Nicastro?
Chiama il centralino unificato.

Proctologo a Roma e Milano
Vuoi prenotare una visita proctologica col Dott. Nicastro?
Fallo comodamente con MioDottore.it

Attilio Nicastro - MioDottore.it
Pericolo tossico! Leggi con estrema attenzione!
ATTENZIONE
La pagina che stai per leggere può contenere immagini mediche e diagnostiche di patologie e terapie, che potrebbero essere non adatte ad un pubblico particolarmente sensibile.

La sindrome del colon irritabile

Proctologo cura della stipsi e delle emorroidi

Sai cos'è la sindrome del colon irritabile?
È una patologia estremamente invalidante, che impedisce a chi ne è affetto una regolare attività intestinale, ma causa frequenti episodi di diarrea, stipsi, dolori addominali e crampi.
Leggi questa pagina per scoprire tutto sulla sindrome del colon irritabile: da cosa origina, le sue cause, come si può trattare e risolvere.

Cos'è

La sindrome del colon irritabile, conosciuta anche colite spasticaintestino irritabile e colopatia distonica, è un disturbo funzionale dell’apparato gastro-intestinale molto frequente, caratterizzato da vari sintomi, non sempre associati tra di loro, che assumono un carattere ricorrente e cronico, con l’alternaza di periodi di apparente benessere a quelli di riacutizzazione della sintomatologia.
La caratteristica comune dei pazienti affetti dalla sindrome è comunque l'irregolarità intestinale e le conseguenti e continue alterazioni dell'alvo, che causano un grande disagio e influiscono grandemente sulla qualità della vita.

Le cause

Le cause del colon irritabile non sono ancora ben chiarite, e comunque una serie di fattori sono implicati nella rilevazione della sindrome.
L’ipersensibilità viscerale, lo stress e altri fattori psicosomatici, uniti alla dieta e alcuni cibi che favorirebbero una accelerazione della motilità intestinale sono le cause che, variamente associate, sono alla base dell’insorgenza della sindrome del colon irritabile.

La sintomatologia

I pazienti con sindrome del colon irritabile lamentano solitamente dolore addominalegonfiore (meteorismo), irregolarità delle evacuazioni, e una alterazione della consistenza delle feci, che nella maggioranza dei casi diventa poltacea, semisolida.
Questa cronica irregolarità delle evacuazioni, di gravità variabile a seconda del periodo e dello stato psico-fisico del paziente causa quindi  diarrea oppure stipsi, e spesso i due stati si intervallano, con periodi di feci semi-solide e periodi di feci troppo dure per il tipico assorbimento anomalo dei liquidi causato dalla costipazione.
Sia la diarrea che la stipsi provocano evacuazioni irritanti per il tratto ano-rettale: feci troppo dure causano un’aumento della pressione intraaddominale e lacerazioni della mucosa, mentre feci troppo molli o liquide, spesso acidificate, irritano le delicate pareti ano-rettali.
A lungo termine, ciò può portare all’insorgenza di patologie come emorroidiragadi e prolasso rettale: tutte complicazioni causate principalmente da prolungate e costanti variazioni della normalità intestinale e della pressione intraaddominale.
Non è quindi raro che i pazienti sofferenti della sindrome del colon irritabile mai (o oppure non efficacemente) curata, sperimentino con il passare del tempo anche casi di prolasso emorroidale e ragadi peri-anali in percentuale statistica maggiore rispetto ai pazienti sani, non sofferenti di intestino irritabile.

La diagnosi

La diagnosi del colon irritabile è essenzialmente clinica e si basa su una corretta valutazione della storia clinica del paziente e sulla rilevanza dei sintomi.
La visita, nella maggioranza dei casi, mette in evidenza il dolore sul lato sinistro dell’addome (fossa iliaca) dove è possibile apprezzare un irrigidimento del colon (segno della “corda” colica), l’ipertimpanismo enteroicolico, dovuto alla distensione gassosa, l’aumento e l’irregolarità dei rumori peristaltici (borborigmi).
Il ricorso ad altri esami specialistici (ematochimici, colonscopia e radiologici) è soprattutto indicato per escludere la presenza di altre patologie specifiche, come la rettocolite ulcerosa o la malattia di Crohn.
Può essere anche utile l’esame delle feci, con lo studio delle caratteristiche chimichebatteriologiche e parassitologiche.

È importante che il paziente che si riconosce nei sintomi descritti non inizi mai terapie ‘fai da te’,  oppure ascolti i consigli (non medici) di amici, parenti o conoscenti, o ancor peggioche reperisca informazioni non verificate sull’Internet.
Il colon irritabile è una patologia seria, e come qualsiasi altra patologia deve essere curata e trattata da personale medico specializzato.

La terapia

Il trattamento della sindrome del colon irritabile è essenzialmente dietetico-comportamentale.
Il ricorso ai farmaci deve essere limitato agli stati acuti mentre è sempre consigliabile la somministrazione di sostanze fitoterapiche (fibre purificate, estratti di malva, finocchio, camomilla, centella, olio di menta, carbone vegetale, ecc.), che somministrati per lungo tempo, associati a fermenti lattici probiotici, alleviano i sintomi e tendono a ristabilire una normale motilità intestinale.
A questi semplici provvedimenti bisogna associare una dieta povera di scorie vegetali fermentanti, di latte e suoi derivati freschi, e degli altri alimenti che tendono ad accelerare il transito intestinale e a fermentare nel colon (determinando la distensione gassosa e gli spasmi dolorosi).
E’ opportuno comunque spiegare al paziente che la terapia del colon irritabile deve essere prolungata nel tempo e ripetuta, dopo un primo periodo, a cicli fino ad un ristabilimento (sperato) della normalità intestinale.
Purtroppo, data l'imprevedibilità della patologia e la sua causa sospetta psicosomatica, è abbastanza frequente che il paziente debba convivere con il suo colon particolarmente sensibile per tutta la vita, ripetendo i trattamenti su base periodica, con una mirata terapia di mantenimento.

Lo specialista

Il medico specialista che può diagnosticare e trattare la sindrome del colon irritabile è il chirurgo colon-proctologo: un professionista specializzato nell'ultimo tratto dell'apparato gastrodigerente, ossia il colon, il retto e l'ano.
Il medico colon-proctologo dispone nel suo studio di tutti i macchinari adatti per eseguire ogni genere di esame utile ad appurare la presenza di svariate patologie ano-rettali, come ad esempio il Videoproctoscopio Digitale e l'ecografo endoanale con sonda rotante a 360°.
Il chirurgo colon-proctologo, grazie alla grande esperienza specifica sull'intestino crasso e l'ano, può operare con efficacia e competenza, prescrivendo terapie farmacologiche atte a ristabilire la regolarità intestinale del paziente affetto da colon irritabile.

Informazioni che non sapevi!

L'articolo che stai leggendo tratta di materie mediche e sanitarie.
Le informazioni in esso contenute sono state scritte da medici professionisti, ma non possono e non devono in alcun modo sostituire una visita medica specialistica.
Se ritieni di sperimentare la sintomatologia della patologia descritta in quest'articolo, non iniziare autonomamente terapie, ma parlane subito con il tuo medico di fiducia.
Non impressionarti, non spaventarti ma altresì non sottovalutare nessun sintomo: rivolgiti sempre ad un medico.

Proctologo a Roma | Lecce | Latina | Milano
Il Dott. Attilio Nicastro è un chirurgo Colon Proctologo da anni specializzato nella diagnosi, nel trattamento e nella cura delle patologie che affliggono il colon, il retto e l'ano.
In oltre trent'anni di professione, ha ideato e sviluppato nuovi protocolli per la terapia riabilitativa della stipsi cronica, nonché di tutte le patologie che interessano la delicata zona del pavimento pelvico.
Il suo interesse chirurgico primario è, da sempre, orientato verso la bassa invasività e il rispetto dei tessuti del retto e del canale anale, affinché il paziente sperimenti un decorso post-operatorio privo di dolore.
Il suo costante miglioramento della tecnica di emorroidectomia escissionale (l'antica Milligan-Morgan), gli ha permesso di perfezionarla a tal punto da permettere un decorso a basso o nullo dolore, garantendo quindi un'emorroidectomia risolutiva, serena e non traumatica per il paziente.
Nel 2008, con la sua equipe, il Dott. Nicastro ha sviluppato il primo Videoproctoscopio Digitale: un macchinario diagnostico non invasivo per l'esplorazione a video del retto e dell'ano, che ha cambiato il classico approccio della proctoscopia basato sull'uso del rettoscopio.
Il Dott. Attilio Nicastro è primario del Dipartimento di Colonproctologia dell'European Hospital di Roma ed opera, in convenzione col Servizio Sanitario Nazionale, come chirurgo esterno presso il Marrelli Hospital di Crotone.
Riceve nei suoi studi di Roma, Milano, Lecce, Latina e Amantea (CS).
Per maggiori informazioni su tutte le attività di studio e ricerca del dottor Attilio Nicastro, puoi visionare il suo sito web attilionicastro.it oppure collegarti alla sua pagina personale Facebook seguendo questo indirizzo.
Hai bisogno di una visita col Dott. Attilio Nicastro?
Chiama il centralino nazionale allo

Proctologo a Roma Milano Lecce Latina Calabria
Vuoi prenotare online?
È facile e veloce grazie a MioDottore.it

Attilio Nicastro - MioDottore.it
I pazienti del Dott. Attilio Nicastro dicono:
‟Preparato,sensibile, con esperienza elevatissima.
Usa strumenti di per diagnosi e cura che pochissimi usano in Italia. Grazie."
Luigi
‟Il Dr. Nicastro é un medico assolutamente competente, al quale mi rivolgo sempre con la certezza di essere in ottime mani!"
Paola
‟Professionista di primo livello, l'unico del quale mi fido. Mi metterei nelle sue mani altre 100 volte!! Grazie Dott. Nicastro."
Simone
Parla al Dott. Attilio Nicastro.
È qui per aiutarti.
Chiedi un aiuto al Dott. Attilio Nicastro.
Compila il modulo, e si metterà subito in contatto con te.
Tutti i campi con * sono obbligatori.

Ho letto ed accetto la privacy policy*

Se il form ti da problemi d'invio, manda un'email a
info [at] attilionicastro.it