Vuoi contattare il Dott. Attilio Nicastro?
Chiama il centralino unificato.

Proctologo a Roma e Milano
Vuoi prenotare una visita proctologica col Dott. Nicastro?
Fallo comodamente con MioDottore.it

Attilio Nicastro - MioDottore.it
Pericolo tossico! Leggi con estrema attenzione!
ATTENZIONE
La pagina che stai per leggere può contenere immagini mediche e diagnostiche di patologie e terapie, che potrebbero essere non adatte ad un pubblico particolarmente sensibile.

Il rettocele

Proctologo cura della stipsi e delle emorroidi

Il rettocele è una delle patologie più invalidanti per una donna.
Oltre a seri problemi alla defecazione, può portare pesanti conseguenze anche nella sfera sessuale, rendendo i rapporti molto difficili quando non totalmente impossibili.
È una condizione in cui si trovano molte donne già puerpere che hanno superato la fase giovane della vita, e che spesso ignorano di esserne affette: in tanti casi, il rettocele è lieve ed asintomatico, e pertanto la sua origine e presenza è ignorata.
Se vuoi sapere tutto sul rettocele, da cosa è causato e come può essere trattato, continua a leggere questa pagina.

Cos'è

Il rettocele è l’erniazione del retto nella cavità vaginale, dovuta al cedimento delle strutture muscolo-ligamentose che separano la parete posteriore della vagina dal retto.
È una problematica anatomica che coinvolge esclusivamente il sesso femminile, ed è spesso associato ad altri prolassi urogenitali, quali quello uterino oppure il cistocele, cioè il prolasso della vescica.

Le cause

Le cause primarie dell’insorgenza del rettocele sono il tipo e il numero dei partil’obesità, la stipsi ostinata, gli sforzi e la pratica di alcuni sport.
Tutti gli eccessivi sforzi in generale, sia isolati che protratti nel tempo, causano un aumento della pressione intraddominale e quindi il cedimento delle strutture musco-legamentose che dividono la cavità vaginale dal retto, e questo cedimento è la causa principale del rettocele.
In generale quindi, datosi che la patologia ha una chiara e certa origine fisico-meccanica, i fattori di rischio sono tutte le sollecitazioni muscolari e gli sforzi di un certo spessore a carico del pavimento pelvico.
Come molte altre patologie degenerative muscolari, anche il rettocele si manifesta solitamente in età avanzata, oltre i quarant'anni, e questo per il motivo ben noto del deperimento dei muscoli pelvici ed il deterioramento della quantità e di collagene presente nelle fibre muscolari.

La sintomatologia

Il rettocele è una condizione che può presentarsi asintomatica nella donna, non causando quindi alcun disturbo.
In questa statistica, si ritiene rientrino la maggioranza delle donne puerpere che hanno superato i quarant'anni.
Un rettocele di lieve entità ed asintomatico non è considerato patologico: lo diventa solo quando comincia a manifestare disturbi e fastidi per la paziente.
I sintomi tipici correlati
 al rettocele sono il dolore ano-vulvare, la stipsi espulsiva, l’ingombro vaginale.
Se il rettocele è conseguente o correlato ad una discesa della muscolatura perineale possono coesistere incontinenza urinariaincontinenza fecale disturbi sessuali.
A volte i disturbi sessuali sono causati da dolori molto intensi durante la penetrazione, che rendono quindi impossibile la stessa.
Analogamente al prolasso emorroidario, anche per il rettocele si identificano stadi specifici dell’estrusione anomala, tra loro differenti a seconda della gravità del prolasso rettale nella conca vaginale:

  • Rettocele di I grado, o lieve
    Una porzione molto piccola di retto invade la vagina.
    Tale condizione è solitamente asintomatica, e molto spesso la paziente non ne è al corrente;
  • Rettocele di II grado, o moderato
    La porzione di retto che invade la vagina è molto più estesa rispetto al I grado, e arriva quasi a raggiungere l’apertura vaginale.
    Possono presentarsi episodi di incontinenza, sia fecale che urinaria, oppure di ostruita defecazione;
  • Rettocele di III grado, o grave
    Il retto fuoriesce completamente dalla vagina, con totale assenza di supporto della parete retto-vaginale.
    La paziente ha solitamente enorme difficoltà a defecare ed urinare, e spesso è costretta a riportare manualmente (e provvisoriamente) il retto nella vagina per completare la defecazione

La diagnosi

La diagnosi di rettocele si basa sulla storia clinica della paziente e sull’esame clinico, in particolare sull’esame obiettivo pelvi-perineale.
Per definire la scelta terapeutica è necessario ricorrere ad esami strumentali quali la manometria ano-rettale, l’urodinamica, la videoproctoscopia digitale, l’ecografia, la cistocolpodefecografia o la Risonanza Magnetica Dinamica.

La terapia

Solo i rettoceli sintomatici ed invalidanti devono essere trattati.
Rettoceli asintomatici di primo livello e di lieve entità non necessitano di trattamento.
Come in molte alte patologie, la prevenzione del rettocele è da considerarsi prioritaria e preferibile alla cura.
Datosi che lo sforzo del parto, la dimensione del feto ed il numero totale di puerperi sono alcune delle cause maggiormente scatenanti la patologia, è opportuno che le giovani donne in età fertile siano adeguatamente informate dal medico e vengano seguite per tutta la durata della gravidanza.
I dovuti dovuti controlli durante la stessa sono quindi essenziali e, qualora il medico ginecologo lo prescriva e lo consigli, si può prendere in condizione il parto cesareo al posto del parto naturale.
Gli sforzi in generale (soprattutto quelli a carico dei muscoli del pavimento pelvico) dovrebbero essere sempre limitati, così come un’attività sportiva particolarmente stressante per il pavimento pelvico dovrebbe essere sempre moderata.
La terapia del rettocele è combinata in quanto oltre alla somministrazione di emollienti fecali (per diminuire gli sforzi della defecazione), è indicato sottoporre la paziente a riabilitazione del pavimento pelvico mediante fisioterapiaelettrostimolazione e biofeedbak (per migliorare la funzionalità neuromuscolare).
Tali terapie riabilitative sono in grado di ridurre i sintomi più fastidiosi del rettocele avanzato, ma non possono ridurrere la gravità dello stesso, che prevede necessariamente un intervento chirurgico di ricostruzione.

Lo specialista

Il medico specialista che può diagnosticare e curare il rettocele è il chirurgo colon-proctologo: un professionista specializzato nell'ultimo tratto dell'apparato gastrodigerente, ossia il colon, il retto e l'ano.
Il medico colon-proctologo dispone nel suo studio di tutti i macchinari adatti per eseguire ogni genere di esame utile ad appurare la presenza di svariate patologie ano-rettali, come ad esempio il Videoproctoscopio Digitale e l'ecografo endoanale con sonda rotante a 360°.
Il chirurgo colon-proctologo, grazie alla grande esperienza specifica sull'intestino crasso e l'ano, può operare con efficacia e competenza, prescrivendo terapie farmacologiche ed operando in prima persona per mezzo della chirurgia quando questa è invece richiesta come soluzione suggerita o obbligata.

Informazioni che non sapevi!

L'articolo che stai leggendo tratta di materie mediche e sanitarie.
Le informazioni in esso contenute sono state scritte da medici professionisti, ma non possono e non devono in alcun modo sostituire una visita medica specialistica.
Se ritieni di sperimentare la sintomatologia della patologia descritta in quest'articolo, non iniziare autonomamente terapie, ma parlane subito con il tuo medico di fiducia.
Non impressionarti, non spaventarti ma altresì non sottovalutare nessun sintomo: rivolgiti sempre ad un medico.

Proctologo a Roma | Lecce | Latina | Milano
Il Dott. Attilio Nicastro è un chirurgo Colon Proctologo da anni specializzato nella diagnosi, nel trattamento e nella cura delle patologie che affliggono il colon, il retto e l'ano.
In oltre trent'anni di professione, ha ideato e sviluppato nuovi protocolli per la terapia riabilitativa della stipsi cronica, nonché di tutte le patologie che interessano la delicata zona del pavimento pelvico.
Il suo interesse chirurgico primario è, da sempre, orientato verso la bassa invasività e il rispetto dei tessuti del retto e del canale anale, affinché il paziente sperimenti un decorso post-operatorio privo di dolore.
Il suo costante miglioramento della tecnica di emorroidectomia escissionale (l'antica Milligan-Morgan), gli ha permesso di perfezionarla a tal punto da permettere un decorso a basso o nullo dolore, garantendo quindi un'emorroidectomia risolutiva, serena e non traumatica per il paziente.
Nel 2008, con la sua equipe, il Dott. Nicastro ha sviluppato il primo Videoproctoscopio Digitale: un macchinario diagnostico non invasivo per l'esplorazione a video del retto e dell'ano, che ha cambiato il classico approccio della proctoscopia basato sull'uso del rettoscopio.
Il Dott. Attilio Nicastro è primario del Dipartimento di Colonproctologia dell'European Hospital di Roma ed opera, in convenzione col Servizio Sanitario Nazionale, come chirurgo esterno presso il Marrelli Hospital di Crotone.
Riceve nei suoi studi di Roma, Milano, Lecce, Latina e Amantea (CS).
Per maggiori informazioni su tutte le attività di studio e ricerca del dottor Attilio Nicastro, puoi visionare il suo sito web attilionicastro.it oppure collegarti alla sua pagina personale Facebook seguendo questo indirizzo.
Hai bisogno di una visita col Dott. Attilio Nicastro?
Chiama il centralino nazionale allo

Proctologo a Roma Milano Lecce Latina Calabria
Vuoi prenotare online?
È facile e veloce grazie a MioDottore.it

Attilio Nicastro - MioDottore.it
I pazienti del Dott. Attilio Nicastro dicono:
‟Il prof. Nicastro e' un ottimo professionista, attento e scrupoloso, disponibile. Appuntamenti puntuali, ottimo studio, l'assistenza al paziente e' eccellente."
Rosella
‟Studio bellissimo, ottimo il servizio, il dottore è bravissimo ,professionale, cortese e puntuale.
Segretarie bravissime."
Giada
‟Posso affermare che ho trovato la visita eccellente e il dottore professionale, sicuro e delucidativo in tutto ciò che si riferiva alla mio stato di salute."
Maria
Parla al Dott. Attilio Nicastro.
È qui per aiutarti.
Chiedi un aiuto al Dott. Attilio Nicastro.
Compila il modulo, e si metterà subito in contatto con te.
Tutti i campi con * sono obbligatori.

Ho letto ed accetto la privacy policy*

Se il form ti da problemi d'invio, manda un'email a
info [at] attilionicastro.it